Manifatture Digitali Cinema

Gli hub toscani per il sostegno e l’innovazione della filiera audiovisiva

Inaugurate a Prato nel settembre 2017 e a Pisa nel maggio 2018, le Manifatture Digitali Cinema (MDC) sono infrastrutture dedicate all’accoglienza delle produzioni cinematografiche e televisive, alla formazione di nuovi profili professionali e all’erogazione di nuovi servizi alle imprese.

Dotate di uffici polifunzionali, sala casting, proiezione, makeup & hairstyle e sartoria con spogliatoi, le MDC sono spazi ideali per la preparazione e l’amministrazione di un film, una serie, un documentario, un format con set in Toscana. Dalla loro apertura, ne hanno già usufruito le produzioni di Dafne di Federico Bondi, Se Son Rose di Leonardo Pieraccioni, Pezzi Unici di Cinzia TH Torrini (a Prato), Il Caso Collini di Marco Kreuzpaintner, Amour di Radha Krishna Kumar e L’Amica Geniale 2, di Saverio Costanzo e Alice Rohrwacher (A Pisa), solo per fare alcuni esempi.

Facendo leva sulle vocazioni culturali e produttive delle città in cui hanno sede – il tessile e la sartoria a Prato e le nuove tecnologie, come la realtà virtuale e quella

aumentata, a Pisa -, le Manifatture Digitali Cinema offrono opportunità di alta specializzazione nei mestieri dell’audiovisivo attraverso percorsi laboratoriali e Master unici nel loro genere.

Gli spazi di MDC, per le loro dimensioni e dotazioni, sono inoltre in grado di accogliere una gran varietà di manifestazioni ed eventi (dalle proiezioni singole o di festival alle conferenze stampa, dagli workshop alle masterclass). Le Manifatture Digitali Cinema di Prato, per esempio, hanno accolto la seconda sessione di Eurodoc – programma di formazione per professionisti del documentario, rivolto a produttori indipendenti e registi provenienti da tutta Europa – e ospitato la prima masterclass per attori in Toscana del maestro Pupi Avati.

Le MDC sono una realtà nata dalla sinergia tra l’Apq Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema – Direzione Generale Cinema del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e Regione Toscana e attuata da Fondazione Sistema Toscana.