A Pisa la prima convention internazionale dedicata allo Steampunk

Dal 23 al 25 giugno appuntamento al Museo degli Strumenti per il Calcolo dell’Università di Pisa con Steamcon

Scrittori di fama internazionale, fumettisti, scienziati e divulgatori scientifici, fan club di visionari inventori d’altri tempi caduti in disgrazia e un esercito di cosplayer e appassionati di fantascienza si danno appuntamento a Pisa, dal 23 al 25 giugno 2017, per Steamcon.

Steamcon è il festival internazionale interamente dedicato allo Steampunk, genere letterario che cavalca scienza e fantascienza, ambientato in una ipotetica Inghilterra ottocentesca dove il primo antenato del computer – la macchina di Babbage – avrebbe potuto imprimere una svolta nella storia dell’Occidente.

Location d’eccezione il Museo degli Strumenti per il Calcolo dell’Università degli Studi di Pisa, nell’area dei Vecchi Macelli, che ospita i primi calcolatori e racconta l’evoluzione dell’informatica dalle prime intuizioni (alcune nate proprio sotto la Torre pendente)

fino alle più moderne tecnologie (alcune sviluppate tuttora qui).

Curioso e variegato il programma della tre giorni, costruito in team da BrainCult con il Museo degli Strumenti per il Calcolo, con il patrocinio del Comune e dell’Università degli Studi di Pisa e il supporto di Fondazione Sistema Toscana, tra i quali vi è una stretta collaborazione già in occasione dell’Internet Festival.

Nell’area dei Vecchi Macelli cosplayer in tenuta vittoriana, una mongolfiera e sfide a colpi di tè e biscotti.

Tra gli ospiti d’onore lo scrittore Paul Di Filippo, con un racconto inedito: protagonista un giovane Carducci.

Il programma completo è disponibile qui, i biglietti d’ingresso e quelli validi per i concerti in prevendita qui (6 euro intero, 5 ridotto).